domenica 15 maggio 2016

FOOD BLOGGER: SÌ O NO?



5 mesi e mezzo di stage in un ufficio stampa e in una redazione, a strettissimo contatto con colossi del mondo dell’informazione (Mediaset col suo Tgcom24 in primis), mi hanno fatto capire che non ce n’è: alla gente interessa leggere di cibo. Anzi, scusate: di food – è così che si dice.

I Marò tornano in Italia? Ma vogliamo invece parlare del nuovo ristorante che ha aperto in Porta Venezia? Tu ci sei già stato? Tornando ai Marò, secondo me fanno un rinfresco al volo lì: mi sembra un post top per festeggiare.

Fidatevi: va così.

È tutto un giro di inviti e favori e recensioni che non stanno né in cielo né in terra. Perché pensateci: la nuova food blogger di ‘sta minchia viene invitata all’inaugurazione del nuovo locale dal concept innovativo e bla bla bla; mangia a sbafo e si fa vedere in mezzo a giornalisti veri, lascia biglietti da visita qua e là e anche per quella sera si è sentita meno fallita: che cosa fa, poi, va a casa e scrive un articolo sincero su quanto quella bettola fosse mediocre e per nulla speciale? No, apre il Mac che si è comprata con i guadagni degli ultimi 1800 articoli e per colpa del quale è rimasta a digiuno 28 settimane, e scrive che il format è vincente: è quello che a Milano mancava, è il nuovo punto di ritrovo dei giovani alla moda.

Come lo so? Le ho viste, le blogger. Li ho scritti, gli articoli.

Io non sono una blogger: io sono Red Goon, sono una che si era rotta di scrivere status troppo lunghi su FB e si è decisa a spostarsi su un’altra piattaforma.

Le blogger si presentano alle cene vestite come Blake Lively al Festival di Cannes. Le vedi e pensi che cazzo, loro col blog hanno davvero sfondato: ce l’hanno fatta. Poi ci parli un attimo e scopri che sono vicine ai 40 e sono in affitto nelle peggiori zone di Milano. Ma io non posso dire nulla, perché ho un blog anche io, e perché sono una stagista. A dar loro la merda in faccia ci pensa chi uno spazio nel mondo dell’informazione ce l’ha davvero.

Ricordo ancora quella sera. 
Entra questa donna vestita come una rom della peggio specie. Non aveva un filo di trucco ed era l’unica senza smalto semipermanente. Mi chiede per chi scrivo.

“Conosci qualche altro giornalista qui?”
“No”, ho ribattuto. “Ho visto un po’ di food blogger”.
“Dico giornalisti veri, i blogger non contano”.

Lei scrive sull’Espresso.

Il bello è che quando ci parli, con le blogger, ti dicono che a loro il tesserino da giornalista non interessa, perchè aggiungerebbe nulla alla loro carriera. Ok.

Bene, dopo questa introduzione, vi presento, in maniera molto incoerente, la mia nuova sezione del blog.

Ho deciso di fare io quello che non fa nessuno: ho deciso di raccontarvi davvero come sono i ristoranti in cui mangio, i locali in cui bevo e i baracchini dove compro salamelle. Le mie saranno storie vere: non ci saranno né concept né format, ma solo il cibo faceva cagare o i drink sono belli carichi quindi fateci un salto.

Sono un’accanita frequentatrice di TripAdvisor: le mie recensioni sono nell'1% delle più lette a Milano e in Indonesia. Indonesia? Indonesia. Ma qui su Red Goon sarà diverso: sarò cattiva, onesta, ironica – come sempre, del resto, no?

Ogni mese vi porto virtualmente con me in un locale che ho frequentato, e ve lo faccio conoscere in ogni minimo dettaglio.

Sto diventando una food blogger? Shh! Io sarò una giornalista, mai una blogger, sempre Red Goon.

Ovviamente ho una marea di posti in lista d’attesa pronti per essere recensiti, ma se avete un locale che vi sta a cuore, e che vorreste vedere smerdato o elogiato qui su Red Goon, non vi resta che invitarmici, o scrivermi a redgoonblog@gmail.com. Accetto, anzi voglio suggerimenti!

Non dimenticatevi di seguirmi su Instagram: red_goon


B.

PS: Vado molto fiera del nome che ho dato alla sezione - fatemi pure i complimenti in privato.

venerdì 6 maggio 2016

QUELLA VOLTA IN CUI HO RIMORCHIATO UN MARITO ALLO SHERATON.

Sono andata all'ennesimo evento da sola.
Il fatto che fosse allo Sheraton mi invogliava parecchio - già pensavo al post tattico da scrivere su Facebook per fare sapere a tutti che stavo facendo la bella vita.

Il fatto che fosse allo Sheraton di Malpensa mi rodeva da morire perchè nell'animo rimango sempre una culona che con la sua Pandina color cappuccino è a suo agio solo nelle peggio zone di Milano Ovest.

Ma, come dice il detto, il cibo gratis tira più di un carro di buoi. Ah, non era cosí? Si vede che non me lo ricordo bene.

Sono andata direttamente dopo l'università, dopo la lezione di Teorie della Rappresentazione e dell'Immagine. Su quale base consideriamo realistica l'immagine di un unicorno, se gli unicorni non esistono?
Se siete delle persone profonde come me, rispondete facendo una puzzetta con la mano sotto l'ascella; se invece siete dei curiosi avidi di sapere, chiedetemi in privato la risposta.

Sono arrivata con quarantacinque minuti tondi di ritardo, un po' pezzata, ma pseudo elegante: avevo anche gli stivali e - attenzione - una borsa Calvin Klein e non lo zaino della scuola. Incredibile dictu.