ABOUT

Quindi devo presentarmi. E devo anche farlo in modo piuttosto conciso perché, giustamente, nessuno ha voglia di annoiarsi troppo di fronte ai sono nata qui, studio lì, mi piace la Nutella, di una qualsiasi rompiscatole.


Mi chiamo Beatrice Bellano - il mio cognome ha smesso di far ridere in quinta elementare. Scherzo, fa ancora molto ghignare. Sono laureata (anche se non si direbbe) in Lettere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore (e non si direbbe nemmeno e soprattutto questo) di Milano.  Attualmente studio Editoria all'Università degli Studi, sempre di Milano, e scrivo articoli per la testata online Nerospinto. Rapido e indolore.
Anzi, lasciatemi aggiungere una cosa che mi sta molto a cuore: ho frequentato il Liceo Classico Manzoni, sempre qui nel capoluogo lombardo, uscendo strisciando e sputando sangue dalla sezione D.

Non bevo un bicchiere di sostanze alcoliche dal... No, scusate, sto facendo confusione con le bozze di presentazione che ho salvate sul mio computer. Questa parte era personale e da usare in un altro contesto.

Mi piace la pizza ai quattro formaggi e cantare la sigla di Sailor Moon... No, accidenti, perdonatemi davvero. Sono molto su di giri e sbadata ultimamente: Beppe Severgnini mi ha chiesto di collaborare al suo nuovo progetto per il Corriere della Sera, Benedetta Parodi mi tartassa di e-mail chiedendomi la ricetta dei miei noodles istantanei e la Gazzetta dello Sport non mi dà tregua domandandomi un'intervista e delle foto per la prima pagina dedicata al sumo in Italia.
E io sto dando buca a tutti perché ho deciso che voglio intraprendere questo progetto della blogger. Di fashion non ho nulla, ve lo dico già: il mio abbigliamento preferito è il pigiama, e ai piedi solo calze. Mai bucate, però, questo va detto.

6 commenti:

  1. Restano sparsi, disordinatamente, i vuoti a perdere mentali abbandonati dalla ggente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è finito, si smonta il palco in fretta, perché anche l'ultimo degli addetti ai lavori ha a casa qualcuno che lo aspetta...

      Elimina
  2. Buona fortuna Beatrice!

    RispondiElimina